ITALIANO  
ENGLISH  
banner
Newsletter: Iscriviti

Inserisci il tuo indirizzo email
per ricevere gli ultimi aggiornamenti.
Cerca
 
PRINCIPALE
Home
Visite Guidate ed Escursioni
Proposte week-end ...e non solo
Statuto Pro Loco
Attività Pro Loco Archivio
Dedicato ai Soci
Dona il 5 x 1000 all'' Associazione Pro loco Gaeta
INFORMAZIONI
Storia
Tradizioni
Enogastronomia
Monumenti - Musei
Le Chiese di Gaeta
Santuario Montagna Spaccata
L''Arcidiocesi
Parco Reg. M.Orlando
Infopoint Pro Loco Gaeta: orari di apertura al pubblico
Premio Cajeta
CONVENZIONI
Dove Dormire
Dove Mangiare
Servizi in convenzione
Spiagge
TURISMO
Visita Gaeta
E se la meta fosse Gaeta?
Eventi
Notizie
APERTURE MONUMENTI
Luminarie Gaeta 2017/18 - "Gaeta si illumina con Favole di Luce"


Napoli - Caserta Vecchia


Tour della città - Borgo Medioevale


Maschio Angioino
Maschio Angioino
Partenza da Gaeta in auto o in pullman per Napoli (in treno dalla S.F. di Formia). Visita della Piazza del Municipio: Ampia piazza rettangolare, che prende il nome dal municipio ospitato nel palazzo borbonico di San Giacomo (1819/25). Al centro la piazza è ornata dal monumento equestre a Vittorio Emanuele III°. Ad ovest la Certosa di S.Martino e Castel S.Elmo fanno opposizione all'ampia apertura ad est verso il porto. All'interno dell'edificio comunale è presente la chiesa di S. Giacomo degli Spagnoli (1540) eretta per volere del viceré Pedro de Toledo e della viceregina Maria.
Proseguendo si arriva al Castello Maschio Angioino (gemello di quello di Gaeta). E' uno dei più famosi monumenti napoletani, caposaldo, nel Medioevo, del potere Angioino prima, di quello Aragonese poi e, per concludere, con quello Borbonico. Taetro San Carlo: La lirica napoletana non può che averlo eretto a proprio tempio (quì venne rappresentata la prima di "Mosè" e "La Donna del Lago" di Gioacchino Rossini, e "Lucia Lammermoor" di Gaetano Donizetti"). Venne inaugurato nel 1737 e ristrutturato nel sec. XIX.Palazzo Reale di Capodimonte, una splendida creazione settecentesca dei Borbone che sovrasta la città di Napoli.Palazzo Reale: sfarzosa residenza seicentesca edificata in onore del Re di Spagna e ospitante una serie di eleganti ambienti molti dei quali conservano ancora splendide decorazioni settecentesche. Interessante anche la Biblioteca Nazionale "Vittorio Emanuele" con testi ereditati dal Fondo Librario dei Farnese.Piazza del Plebiscito: Due statue equestri la ornano al centro, una raffigurante Carlo di Borbone (del Canova) e l'altra Ferdinando I. Conosciuta anticamente come Largo del Palazzo divenne una piazza
Reggia di Caserta
Reggia di Caserta
regolare con l'erezione del palazzo del Principe di Salerno (fine 700) e di altro edificio ora occupato dalla prefettura. Degna di interesse la Basilica S. Francesco di Paola proprio sulla piazza.
Via Toledo (1536): E' una delle vie preferite dai napoletani. Costruita dall'omonimo re, che ne ordinò l'apertura come asse di espansione della città. Durante l'unità d'Italia venne rinominata Via Roma, nome che conserva ancora oggi ma solo nel breve tratto che collega la chiesa dello Spirito Santo a Piazza Dante. Nel pomeriggio si raggiunge il borgo medioevale di Casertavecchia, frutto di fusioni di diversi linguaggi formali e artistici che confluirono da più parti e vennero rielaborati dalla cultura architettonica del tempo, e che ancora oggi testimoniano la straordinaria importanza che il piccolo borgo e le sue borgate rivestono. Proseguendo il giro ci avviamo verso i luoghi più caratteristici di Casertavecchia, percorriamo le caratteristica viuzza che ci portano fino a piazza del Seggio da dove si può ammirare un primo splendido panorama della reggia di Caserta, e della città che la circonda poi si percorre via Della Valle, subito sulla destra, si giunge in piazza Vescovado. Dopo aver percorso le strade che portano al borgo antico si arriva in piazza Vescovado, dove al centro risaltano subito le colonne di granito, che rappresentavano, forse, il “privilegium immunitatis” o meglio il diritto di asilo della chiesa. Subito a destra possiamo ammirare la superba cattedrale i cui lavori di costruzione iniziarono nel 1129 sotto l’episcopato di Rainulfo(tradizionalmente chiamata Duomo) tutta in stile siculo-normanno. Con al suo fianco il maestoso campanile il quale fu costruito 81 anni pi
Belvedere San Leucio
Belvedere San Leucio
ù tardi dal vescovo Andrea, deducibile dalla lapide posta a sinistra della chiesa. Continuando si incontreranno il Palazzo Vescovile ed il Seminario, la Casa Canonica, la Chiesa di S. Giacomo e la Chiesa dell'Annunziata ed il Castello. Il percorso nell’ultramillenaria storia del borgo, si conclude percorrendo la splendida pineta, dove è ancora possibile intravedere i ruderi che restano a testimonianza dell’antico splendore del borgo medioevale di Casertavecchia, dichiarato monumento nazionale nel 1960 con decreto del Presidente della Repubblica.



banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
Unione Nazionale
Pro Loco d'Italia

Gaeta
Bandiera Blu


  © Copyright 2009 PRO LOCO GAETA, sede legale Via Firenze, n. 2 - 04024 Gaeta (LT) - C.F.90044050590 - PARTITA IVA: 02743060598
    Informazioni Turistiche: P.zza Traniello, 18 – Cell. 320.0380413
  powered by Internet Evolution