ITALIANO  
ENGLISH  
banner
Newsletter: Iscriviti

Inserisci il tuo indirizzo email
per ricevere gli ultimi aggiornamenti.
Cerca
 
PRINCIPALE
Home
Visite Guidate ed Escursioni
Proposte week-end ...e non solo
Statuto Pro Loco
Attività Pro Loco Archivio
Dedicato ai Soci
Dona il 5 x 1000 all'' Associazione Pro loco Gaeta
INFORMAZIONI
Storia
Tradizioni
Enogastronomia
Monumenti - Musei
Le Chiese di Gaeta
Santuario Montagna Spaccata
L''Arcidiocesi
Parco Reg. M.Orlando
Infopoint Pro Loco Gaeta: orari di apertura al pubblico
Premio Cajeta
CONVENZIONI
Dove Dormire
Dove Mangiare
Servizi in convenzione
Spiagge
TURISMO
Visita Gaeta
E se la meta fosse Gaeta?
Eventi
Notizie
APERTURE MONUMENTI


Notizie Storiche


La Diocesi di Gaeta veniva elevata ad Arcidiocesi da Pio IX il 31 dicembre 1848.



      L'Arcidiocesi ha come territorio di pertinenza la fascia marittima tra Salto di Fondi e il Garigliano e, verso l'interno, la zona pedemontana che si estende da Monte S. Biagio a Castelforte. Sono ancora pertinenti le isole del gruppo ponziano. La portualità marittima e la via Appia hanno costituito il contesto idoneo per il propagarsi della fede cristiana L'Arcidiocesi gaetana è erede e continuatrice, attraverso complesse vicende, delle Diocesi di Formiae, Minturnae, Fundi, nate tra la fine del III secolo ed il IV secolo, grazie alle comunità cristiane, la cui attività evangelizzatrice può farsi risalire già al primo secolo inoltrato. Le diocesi erano disegnate sulle circoscrizioni territoriali romane: ciò accadeva per Formia, Minturno e Fondi posti sull'Appia, civitates durante il periodo repubblicano.
Alla caduta dell'Impero, durante i tragici eventi delle invasioni barbariche, i Vescovi delle comunità ecclesiali si segnalarono anche come punti cardine per l'unità cittadina. Attorno alla fine dell'VIII secolo si era assistito alla scomparsa, prima de facto, poi nel IX secolo de Jure, della diocesi di Formiae, quando venne ad essere sostituita da quella di Gaeta per l'avvenuto trasferimento della sede episcopale nel sicuro castro gaetano.
Nasceva così dalle ceneri di quella formiana la Diocesi di Gaeta, mentre quella di Fondi continuava ad avere vita a sè stante fino al 1814, allorchè venne estinta e la sua circoscrizione fu assegnata a Gaeta.
Durante il periodo ducale Gaeta registrava una forte espansione sociale, economica e culturale. La città e la sua diocesi si erano strette attorno alla figura del santo patrono Erasmo, il cui culto pubblico venne sancito negli Statuti cittadini. Prima i monasteri e poi la stessa Diocesi di Gaeta si dedicarono allo sviluppo della coltura e ad un'intensa produzione artistica, le cui tracce ancora permangono nelle strutture urbanistiche e templari.
I Vescovi delle due Diocesi di Gaeta e Fondi si segnalarono per la forte impronta pastorale ed evangelizzatrice nel periodo dell'età moderna, sia nelle fasi precedenti il Tridentino sia nella sua successiva applicazione.
La Diocesi di Gaeta veniva elevata ad Arcidiocesi da Pio IX il 31 dicembre 1848.

http://www.arcidiocesigaeta.it



Il Palazzo Arcivescovile

Il Palazzo De Vio e il Seminario Arcivescovile

Arc. Mons. Fabio Bernardo D'Onorio
Il Vescovo

Monsignor Fabio Bernardo D’Onorio


banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
Unione Nazionale
Pro Loco d'Italia

Gaeta
Bandiera Blu


  © Copyright 2009 PRO LOCO GAETA, sede legale Via Firenze, n. 2 - 04024 Gaeta (LT) - C.F.90044050590 - PARTITA IVA: 02743060598
    Informazioni Turistiche: P.zza Traniello, 18 – Cell. 320.0380413
  powered by Internet Evolution