ITALIANO  
ENGLISH  
banner
Newsletter: Iscriviti

Inserisci il tuo indirizzo email
per ricevere gli ultimi aggiornamenti.
Cerca
 
PRINCIPALE
Home
Visite Guidate ed Escursioni
Proposte week-end ...e non solo
Statuto Pro Loco
Attività Pro Loco Archivio
Dedicato ai Soci
Dona il 5 x 1000 all'' Associazione Pro loco Gaeta
INFORMAZIONI
Storia
Tradizioni
Enogastronomia
Monumenti - Musei
Le Chiese di Gaeta
Santuario Montagna Spaccata
L''Arcidiocesi
Parco Reg. M.Orlando
Infopoint Pro Loco Gaeta: orari di apertura al pubblico
Premio Cajeta
CONVENZIONI
Dove Dormire
Dove Mangiare
Servizi in convenzione
Spiagge
TURISMO
Visita Gaeta
E se la meta fosse Gaeta?
Eventi
Notizie
APERTURE MONUMENTI
Luminarie Gaeta - "Gaeta si illumina con Favole di Luce"
Info Parcheggi e ZTL Gaeta S. Erasmo


stagione teatrale "Teatro Ariston" 2013


GABRIELE PIGNOTTA in " MI PIACI PERCHE' SEI COSI! "


L’ULTIMO SPETTACOLO DELLA STAGIONE TEATRALE 2012/13 DEL TEATRO ARISTON CI ASPETTA IN PRIMAVERA




martedì

9 aprile 2013




GABRIELE PIGNOTTA

in

MI PIACI PERCHE' SEI COSI!

scritta diretta e interpretata da Gabriele Pignotta

con Fabio Avaro

e con Emanuela Guaiana e Cristina Odasso




Questa volta si parla d’amore e delle inconciliabili differenze tra uomo e donna. Il segreto per andare veramente d’accordo sembrerebbe davvero essere una semplice frase “ mi piaci perché sei cosi!” ma non si finisce sempre per volere che l’altro/a cambi per assomigliare piuttosto a noi stessi? Ennesima occasione per ridere, divertirci ma anche riflettere sulle derive del mondo contemporaneo.




Dopo quella che lo stesso autore-attore ha definito 'trilogia' 'Una notte bianca', 'Scusa sono in riunione… ' e 'Ti sposo ma non troppo') ecco una commedia nella quale si affronta il rapporto a due senza egoismi. Quante volte infatti ci siamo messi nei panni dell'altro per comprenderlo veramente? Quante volte abbiamo accettato il diverso modo di vedere le cose del nostro partner? E ancora come sta cambiando il rapporto di coppia e soprattutto verso dove sta andando?

Con questa commedia, Gabriele Pignotta offre l'ennesima occasione per divertirsi a teatro ma anche per riflettere sul mondo contemporaneo e in fondo anche su ciascuno di noi.




GABRIELE PIGNOTTA

Attore, Regista e Autore.

Dopo avere fatto la classica gavetta nelle piccole compagnie di teatro dove impara più o meno tutto quello che sa fare, approda nel mondo della televisione vincendo dapprima il festival di Castrocaro, nel 1994, scrivendo programmi televisivi per la Rai con lo staff di Japino- Carra fino ad arrivare ad avere uno suo spazio comico su RAI DUE ad “Al posto tuo” di Alda Deusanio, una prima serata del sabato sera di RAI UNO con Pippo Baudo, e la scrittura e la conduzione di due programmi su Sky (Shake.it accanto a Laura Bariales e The Soup accanto a Francesca Zanni ).




Dal 2004 ad oggi scrive dirige e interpreta, 4 commedie teatrali di grande successo e nel 2008 fonda la compagnia teatrale Pignotta- Avaro.

Con le sue commedie Gabriele Pignotta ha saputo reinventare un genere, la commedia italiana, trasformandola con un taglio decisamente cinematografico, in una proposta artistica nuova, coinvolgente, emozionante che da anni attira migliaia di spettatori nella Capitale e in molte altre città d' Italia e che si appresta a compiere il grande salto anche nel mondo del cinema.

La moderna e innovativa compagnia di Gabriele PIGNOTTA, rappresenta oggi,nel panorama dello spettacolo teatrale italiano, quella rara eccezione fatta di qualità, talento, originalità e cuore, una fabbrica di spettacoli che si confermano di anno in anno fra gli appuntamenti più attesi della stagione teatrale! Dopo il pimo grande successo nella capitale nel 2004 con Una notte bianca(sbanca il botteghino ed è subito cult titolava Il Messaggero ) che vince subito il premio Gassman come 3°miglior testo italiano, successivamente Gabriele Pignotta porta in scena Scusa sono in riunione… , Ti sposo ma non troppo, Se tutto va male divento famoso (tutte commedie interpretate,scritte e dirette dallo stesso Pignotta), che riscuotono un grande successo di pubblico e stampa e che aprono la strada della tournee nazionale a questa giovane Compagnia ! Assicurandosi infatti piazze importanti come: Torino, Milano, Modena, Parma, Bologna, Napoli, Lugano, in soli due anni la compagnia di Pignotta diventa la compagnia di giro nazionale più promettente del nuovo panorama teatrale




Nel 2008 incontra Marco Belardi produttore di IMMATURI che oltre alle recenti partecipazioni come attore ai film AMORE 14 di Federico Moccia, LA VITA E' UNA COSA MERAVIGLIOSA di Carlo Vanzina, IMMATURI il viaggio di Paolo Genovese gli vale un contratto di esclusiva per la realizzazione di un film tratto da la commedia “Ti sposo ma non troppo. Come regista cinematografico ha realizzato il corto “Ti sposo ma non troppo”prodotto dallo stesso Belardi ( firmando anche sceneggiatura e soggetto oltre ad esserne l’interprete principale) e si appresta a girarne un secondo sempre prodotto da Marco Belardi. Recentemente Gabriele si è anche regalato una bella interpretazione al fianco di Sergio Fiorentini nel corto metraggio “In fondo a destra” scritto e diretto dall’esordiente Valerio Groppa e apparizioni recenti sul grande schermo in Tutte pazze per me e con Fabio Avaro, in Colpi di fulmine con Lillo e Greg.




INTERVISTA A GABRIELE PIGNOTTA E FABIO AVARO

"Mi piaci perché sei così", Intervista a Gabriele Pignotta e Fabio Avaro di Pasquale Maria Sansone - www.ilfaroonline.it




Il Faro Online - Il magnifico duo Pignotta-Avaro, sapientemente coadiuvato dalle brillanti e sagaci partners femminili Emanuela Guaiana e Cristina Odasso, fa il pienone al Manfredi di Ostia con "Mi piaci perché sei così", una pièce (di cui è autore e regista Gabriele Pignotta) densa di significati socio-psico-antropologici, che focalizza con speciale acume i problemi della coppia tentando di farli risolvere, addirittura, dallo psicoterapeuta esperto in ipnosi. Ma lasciamo la parola ai protagonisti di questo magnifico sodalizio artistico che celebrano quest'anno i primi dieci anni di ininterrotta collaborazione.




La coppia è "malata" e c'è bisogno di un terapista per risolvere i suoi problemi. Qual è, alla luce di queste difficoltà, il futuro del rapporto a due?

Sicuramente - risponde Gabriele Pignotta - è un futuro che deve tener conto dei cambiamenti epocali della società e quindi non può più legarsi ai valori tradizionali. La coppia del futuro quindi sarà quella che si adatterà meglio alle trasformazioni in atto. E' quella che chiamo la coppia 2.0; bisogna, quindi, fare un aggiornamento del sotware ed anche del modo di concepire la coppia.




Che cos'è l'amore?

Bella domanda! E' un'emozione, la più forte delle emozioni che poi diventa legame e l'asse principale su cui poggia l'esistenza delle persone. E com'è che poi ci si stufa? Ci si stufa quando si perde di vista il motivo che ci faceva unire; quindi, anche in questa commedia, ho tenuto a precisare che non bisognerebbe mai mollare. Ed il rapporto diventa noioso per la pigrizia di non saper recuperare quella vivezza di emozioni che avevano caratterizzato il feeling. Le componenti sono davvero tante ed alla fine la coppia naufraga. Se ci fosse un dialogo continuo e costante le cose potrebbero nettamente cambiare.




Quali sono i tuoi progetti futuri?

Intanto questa attività teatrale che mi impegna tutto l'anno con 5 commedie che girano in tutti i teatri della penisola. La stagione terminerà con il coronamento di un vecchio sogno al Teatro Sistina il 23 maggio prossimo. Inoltre stiamo lavorando alla traduzione in un film della pièce "Ti sposo, ma non troppo", una meta che sembra molto più vicina.




Quanto il teatro può essere un valido riferimento assiologico per le nuove generazioni?

Quando smette di essere autoreferenziale e distaccato dalla società tanto se le persone che lo fanno smettono di porsi in una maniera poco empatica nei confronti del pubblico e continuano a fare rappresentazioni di proprie concettualizzazioni e visioni della vita che diventano parziali. Sarebbe molto più efficace se l’attore pensasse allo spettatore come ad un fruitore che viene a teatro proprio per cercare di identificarsi in quello che vede. Quello che provo a fare io, infatti, è proporre storie semplici e di vita normali nelle quali ognuno si può ritrovare perché ritengo inutile e dannoso, invece, proporre i soliti temi classici del teatro che risultano distanti dalla vita reale.




Quali sono i tuoi riferimenti?

I miei riferimenti non sono meramente teatrali, infatti, io amo la commedia anglosassone anche cinematografica e le sitcom di produzione televisiva, tipo i Jefferson, i Cosby, Willy & Grace e Friends. Coniugando questa mia passione con la commedia italiana sono riuscito a realizzare un prodotto che spero riesca sempre più a convincere il pubblico.




A Fabio Avaro invece chiediamo: la partecipazione al film Colpi di fulmine ha esaltato le tue qualità artistiche e teatrali già messe in evidenza nella pièce a firma del tuo amico e collega Gabriele Pignotta Mi piaci perche sei così. Quale esperienza hai tratto dalla tua partecipazione al film di Neri Parenti?

Per me è stato davvero un impegno importante che mi ha proiettato finalmente in maniera efficace ed esaustiva nel mondo del cinema. Questo lavoro di Neri Parenti mi è molto piaciuto perché si discosta dal cliché dei soliti cinepanettoni offrendo la possibilità agli interpreti, e nella fattispecie me e Gabriele, di esprimere compiutamente tutta la propria arte. A dire il vero quando mi proposero di far parte di un cast per un film di Natale ebbi delle grosse perplessità che, però, si dileguarono completamente quando mi ritrovai di fronte ad una “signora” sceneggiatura e a degli interpreti di grandissima qualità.




In Mi piaci perché sei così interpreti il ruolo di un marito appagato ma in realtà annoiato dalla routine della vita di coppia. Ma la coppia davvero ha bisogno dell’analista per risolvere i propri problemi?

Io non so come i nostri nonni ed i nostri genitori riuscissero a tenere in piedi dei rapporti d’amore così lunghi e, quindi, così resistenti. Oggi forse i problemi della coppia derivano anche dal fatto che l’uomo tecnologico e telematico è abituato a ritmi che stancano, ma il rapporto a due per durare ha bisogno di cure come una piantina che va annaffiata con assiduità e soprattutto con amore. E’ vero che l’essere umano nasce solo e muore solo però nello svolgersi della sua esistenza ha assoluta necessità di relazionarsi con gli altri e soprattutto nel formare una coppia, cioè individuare in un altro/altra il/la compagno/a del proprio cammino. Io al momento ho paura di aver capito molto bene la teoria, ma la pratica applicata è un’altra cosa….e lì sto in seria difficoltà, lo ammetto.




Il tuo personaggio è particolarmente interessante perché oltre ad esprimere il suo pensiero “formale” esprime anche il suo pensiero “reale”. Preciso, nella scena del letto tu e colei che interpreta la parte di tua moglie oltre a dirvi delle frasi formali e, quindi, positive esprimete per “magia” anche quello che realmente pensate...

Si questa è stata davvero una soluzione geniale a cui Gabriele, autore, regista e sceneggiatore, ha pensato offrendo al pubblico oltre che di una serie di battute simpaticissime anche l’opportunità di entrare magicamente nei pensieri segreti della coppia. A volte, però, quando si ritorna a casa dopo un’intensa giornata di lavoro non si ha voglia di dire al proprio partner quello che davvero non ci piace di lui/lei e quindi ci si acciavatta sulle solite frasi di convenienza che nascondono però tante perplessità e tanti dubbi. A dire il vero siamo più spesso noi uomini ad evitare il confronto perché ci spaventa e perché sentiamo stanchi; invece, le donne sarebbero più disposte ad affrontare i problemi della coppia che sicuramente vanno presi in considerazione per risolverli.




Quali sono i tuoi progetti futuri?

Portiamo in giro per l’Italia la trilogia di Gabriele Pignotta costituita da Mi piaci perché sei così, Una notte bianca e Ti sposo ma non troppo e coroniamo il nostro sogno, dopo Parma e Milano, di lavorare al Sistina con Scusa sono in riunione, ti posso richiamare?. L’anno prossimo festeggeremo con Gabriele i primi 10 anni di collaborazione e i 20 anni di attività teatrale. Dovremmo girare in estate il film tratto da Ti sposo ma non troppo, ma ho in mente, a prescindere dal matrimonio teatrale con Gabriele di realizzare un mio show personale sulla scia della mia vecchia esperienza con Siamo tutti comuni cattivi con ospiti in sala (attori, politici, musicisti…) che interagiscono con me e con la mia band.




Biglietti Biglietti BB




Platea POLTRONISSIMA € 25,00 22,00

Platea POLTRONA € 23,00 20,00

Galleria € 20,00 17,00

Biglietti under26:

Platea POLTRONISSIMA € 23,00

Platea POLTRONA € 21,00

Galleria € 18,00




Informazioni e prenotazioni:




Gaeta - TEATRO ARISTON - Piazza della Libertà 19 Tel: 0771463067

e-mail: cineariston@libero.it - http// www.aristongaeta.it

Formia - AS Turismo - Via G. Paone 20 Tel. 0771324467

Criade Viaggi - Centro Orlandi Tel. 0771324442

Last Minute Tour - Centro Commerciale Itaca Tel. 0771738095

Itri - BLOB STUDIO - Via 8 marzo 2 - Tel: 3355717120

Fondi - GIGIMAX - P.zza San Francesco 2 - Tel: 0771.512260 Scauri - MARICA VIAGGI - VIA Appia 390 - Tel. 0771613085




BIGLIETTI ONLINE: www.bookingshow.it




banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
Unione Nazionale
Pro Loco d'Italia

Gaeta
Bandiera Blu


  © Copyright 2009 PRO LOCO GAETA, sede legale Via Firenze, n. 2 - 04024 Gaeta (LT) - C.F.90044050590 - PARTITA IVA: 02743060598
    Informazioni Turistiche: P.zza Traniello, 18 – Cell. 320.0380413
  powered by Internet Evolution