ITALIANO  
ENGLISH  
banner
Newsletter: Iscriviti

Inserisci il tuo indirizzo email
per ricevere gli ultimi aggiornamenti.
Cerca
 
PRINCIPALE
Home
Visite Guidate ed Escursioni
Proposte week-end ...e non solo
Statuto Pro Loco
Attività Pro Loco Archivio
Dedicato ai Soci
Dona il 5 x 1000 all'' Associazione Pro loco Gaeta
INFORMAZIONI
Storia
Tradizioni
Enogastronomia
Monumenti - Musei
Le Chiese di Gaeta
Santuario Montagna Spaccata
L''Arcidiocesi
Parco Reg. M.Orlando
Infopoint Pro Loco Gaeta: orari di apertura al pubblico
Premio Cajeta
CONVENZIONI
Dove Dormire
Dove Mangiare
Servizi in convenzione
Spiagge
TURISMO
Visita Gaeta
E se la meta fosse Gaeta?
Eventi
Notizie
APERTURE MONUMENTI
Luminarie Gaeta 2017/18 - "Gaeta si illumina con Favole di Luce"


Chiesa S. Giuda Taddeo o S. Onofrio



Vista angolare

Sec. XVI - XIX
La piccola chiesa attualmente è un edificio semidiruto di stile neogotico. È composta da una sola navata con annesso vano di servizio sul fianco sinistro. Il suo interno è privo degli altari fatti porre in numero di tre da re Ferdinando II nel 1853. Sono visibili tutt'ora i rivestimenti neogotici con membrature trilobate ad arco acuto, La sua copertura è a crociera con nervature e girali in stucco. La facciata a doppia spiovenza è decorata da un portale ogivo e da un rosone. Quest'ultimo simile a quello sulla parete absidale. Sul corpo di fabbrica proteso sulla rampa che collega via Annunziata, due monofore ogive fungono da cella campanaria. L'intero edificio è racchiuso in alto da un coronamento merlato di stile neogotico.

La chiesa fu dedicata originariamente a S. Onofrio, si ha notizia in un atto redatto nel 1509 dal notaio Francesco Pesce con il quale si dichiara che i Procuratori della Santa Casa dell'Annunziata, proprietaria dell'edificio, concedono la rettoria (con stanza e giardino) al sacerdote Giovanni de Abaste. Nel 1525 il cardinale De Vio la riunì alla chiesa dell'Annunziata. Nel corso dei secoli fu danneggiata nei vari assedi per la sua posizione fortemente esposta ai tiri. Rovinata e ridotta allo stato di abbandono, fu completamente restaurata da Ferdinando II nel 1853, dedicandola a S. Giuda Taddeo. I lavori di riattamento sono stati diretti sicuramente da Giacomo Guarinelli, ufficiale del Genio Borbonico, che in quegli anni attendeva alla ricostruzione della monumentale chiesa di S. Francesco, poco lontana, ed ai principali lavori di potenziamento della fortezza.
L'edificio, sul crinale della collina di monte Orlando, è circondato per due lati dal giardino dello Stabilimento dell'A. G. P. e per gli altri dalla via Angioina e dalla scalinata che conduce alla via principale di accesso alla città (via Annunziata).

Attualmente la Chiesa è inagibile.



banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
Unione Nazionale
Pro Loco d'Italia

Gaeta
Bandiera Blu


  © Copyright 2009 PRO LOCO GAETA, sede legale Via Firenze, n. 2 - 04024 Gaeta (LT) - C.F.90044050590 - PARTITA IVA: 02743060598
    Informazioni Turistiche: P.zza Traniello, 18 – Cell. 320.0380413
  powered by Internet Evolution