ITALIANO  
ENGLISH  
banner
Newsletter: Iscriviti

Inserisci il tuo indirizzo email
per ricevere gli ultimi aggiornamenti.
Cerca
 
PRINCIPALE
Home
Visite Guidate ed Escursioni
Proposte week-end ...e non solo
Statuto Pro Loco
Attività Pro Loco Archivio
Dedicato ai Soci
Dona il 5 x 1000 all'' Associazione Pro loco Gaeta
INFORMAZIONI
Storia
Tradizioni
Enogastronomia
Monumenti - Musei
Le Chiese di Gaeta
Santuario Montagna Spaccata
L''Arcidiocesi
Parco Reg. M.Orlando
Infopoint Pro Loco Gaeta: orari di apertura al pubblico
Premio Cajeta
CONVENZIONI
Dove Dormire
Dove Mangiare
Servizi in convenzione
Spiagge
TURISMO
Visita Gaeta
E se la meta fosse Gaeta?
Eventi
Notizie
APERTURE MONUMENTI
Luminarie Gaeta 2017/18 - "Gaeta si illumina con Favole di Luce"


Museo Diocesano


Info - Visite - Orari


Stendardo Battaglia di Lepanto
Stendardo Battaglia di Lepanto
Lo storico palazzo De Vio, appartenuto al Cardinale Tommaso De Vio, nato a Gaeta il 20 febbraio 1469, ha subito nel corso dei secoli varie e complesse trasformazioni, che ne hanno profondamente modificato l'aspetto originario.
La prima idea di un Museo Diocesano risale al 1903, in occasione della posa della prima pietra per la costruzione della nuova facciata della Cattedrale, dedicata all'Assunta e a S. Erasmo. Questa idea tendeva a raccogliere reperti dell'età classica e del periodo medievale salvati sia nell'area urbana che nel vicino territorio.
Negli anni successivi fu iniziata un'altra raccolta, che comprendeva anche dipinti, nella navata superstite del duomo duecentesco. I reperti depositati rappresentavano un consistente nucleo per l'inizio di una vera e propria pinacoteca e di un piccolo museo archeologico. Si trattava delle opere pittoriche di edifici religiosi danneggiati nell'ultima guerra, di chiese distrutte o non più officiate.
Negli anni Cinquanta dello scorso secolo il progetto andò a conclusione con il Museo Diocesano, inaugurato sul pronao della Cattedrale il 4 novembre 1956. Dal 1998 sono iniziati i lavori di recupero e di ristrutturazione del palazzo De Vio per adibirlo a Museo Diocesano e della religiosità del Parco dei monti Aurunci.
Il nuovo museo raccoglie i dipinti presenti nell'altro nonché molteplici altre opere provenienti da chiese di Gaeta e della Diocesi.
La pinacoteca raccoglie dipinti su tela e su tavola dal secolo XIII al primo decennio della seconda metà dell'Ottocento.Le opere, quasi tutte di soggetti religiosi, provengono dal Museo Diocesano del 1956, dalla Cattedrale e da altre chiese chiuse al culto.Nella pinacoteca sono esposte molte opere di cui sono noti gli artisti e, pertanto, rappresenta un giacimento di particolare valore, che permette un'attenta lettura dei corrispondenti periodi delle correnti artistiche in Campania. A questa considerazione è da aggiungere che la pinacoteca è il più consistente nucleo di opere d'arte nel Lazio meridionale, già territorio campano fino al 1927. Delle opere in mostra il numero maggiore è rappresentato da quelle di Giovanni da Gaeta, artista che ha operato nella seconda metà del sec. XV. Sempre ricordando pittori di origine gaetana l'accento viene posto sui nomi di Scipione Pulzone e Sebastiano Conca. Le sale del museo sono, ancora, arricchite dai dipinti di Riccardo Quartararo, Teodoro d'Errico Fiammingo, Girolamo Imparato, Quentin Metsis, Luis de Morales, Fabrizio Santafede, Andrea Vaccaro, Giacinto Brandi, Luca Giordano, Francesco Solimena e Pompeo Batoni. E' esposto, anche, lo Stendardo di Lepanto quadro (olio su tela) del pittore Girolamo Siciolante, che raffigura su i due lati, il Crocefisso tra i Santi Pietro e Paolo. Sventolò sulla nave ammiraglia della flotta pontificia, comandata da Don Giovanni d'Austria. La battaglia nelle acque di Lepanto portò alla sconfitta delle navi ottomane il 7 ottobre 1571. Il 4 novembre dello stesso anno fu lasciato dal figlio naturale di Carlo V, Don Giovanni d'Austria, nel Duomo di Gaeta.
In una sala particolare sono esposti due croci bizantine; l'ostensorio ed il calice di Pio IX a Gaeta negli anni 1848/49. Nelle sale della pinacoteca sono disposti tre Exultet (sec. XI-XII); tre Corali (1569/70), opera di Vincenzo Pontano da Fondi.

Piazza Cardinale Tommaso de Vio, 7 – Gaeta
Orario al pubblico soggetto a variazione stagionale
Info
Reception Museo: tel.: 0771 4530233
Direzione Museo: tel.: 0771 4530234


BIGLIETTO UNICO INTEGRATO
CALL CENTER: 0771/286217


Per gruppi scolastici o di turisti che intendono effettuare visite culturali
in giorni o orari diversi da quelli sopraindicati,
è possibile prendere accordi ai seguenti recapiti:

Reception Museo: tel.: 0771 4530233
Direzione Museo: tel.: 0771 4530234



banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
banner
Unione Nazionale
Pro Loco d'Italia

Gaeta
Bandiera Blu


  © Copyright 2009 PRO LOCO GAETA, sede legale Via Firenze, n. 2 - 04024 Gaeta (LT) - C.F.90044050590 - PARTITA IVA: 02743060598
    Informazioni Turistiche: P.zza Traniello, 18 – Cell. 320.0380413
  powered by Internet Evolution